about

Name: Antonella e Serena pleiadi
From: via Lattea Italy
More..
Love
Stelle, pianeti, erbe, aromi, cristalli, pietre, magie e incantesimi, vivere da vegan e far vivere ogni forma di vita
tagboard
Insert your tagboard here :)
Width shouldn't exceed 190 px
empty box
write what you want here or just delete it :)
Credits
Layout design by: Pannasmontata
stelle, cristalli e altre piccole alchimie
21 luglio 2006,15:23

ARNICA:



Pianta erbacea sempreverde della famiglia delle composite, fiorisce da maggio ad agosto nei prati, pascoli e boschi soleggiati del Nord Italia (da 800 a oltre 2000metri) ha le sembianze di una grossa margherita giallo-arancia, dall'odore aromatico e dal sapore molto amaro.
Definita, fin da tempi antichi, erba delle cadute per le sue proprietà antiecchimotica, antireumatica, calmante, nalgesica e antinfiammatoria, viene utilizzata, dalla popolazione dell'Alta Savoia, anche come tabacco da pipa e si dice che un pò di tintura di arnica portata in un flaconcino (da tenere sempre con se) tolga il vizio del fumo!
Si utilizzano, a scopo medicinale, foglie, radici e fiori della pianta raccolte in piena fioritura (agosto - settembre) e seccate all'ombra.
Nelle infiorescenze sono presenti acidi grassi, aminoacidi, cere, polisaccaridi immunostimolanti e oli essenziali e flavonoidi. Le sostanze attive non sono ancora del tutto note.

Usi....
Tintura di Arnica: contro distorsioni, contusioni, slogature e punture di insetti. (Al solito per una preparazione casalinga farsi sempre consigliare dal proprio omeopata e/o erborista di fiducia) in genere non viene mai utilizzata pura ma diluita con acqua o acqua e glicerina, imbevendo con la soluzione delle garze (ovatta, pezzuole...)e applicandole sulla parte dolorante, accertandosi che non ci siano piaghe, ferite sanguinanti e mai utilizzarla vicino a bocca, occhi e organi genitali.

Estratto oleoso: Ottenuto macerando i fiori in olio di oliva è efficace come trattamento anticellulite

Fiori polverizzati: contro naso chiuso e testa appesantita dal raffreddore annusandone qualche pizzico.

Ormai dell'arnica viene utilizzata sopratutto la tintura e sempre comunque usi esterni, per il semplice motivo che è molto velenosa sia in forti dosi che per uso interno a meno che non sia diluita in prodotti omeopatici.
Per quanto riguarda l'uso esterno è sempre opportuno tener presente che, in concentrazioni troppo alte,può dar luogo a reazioni allergiche (in genere irritazioni della pelle)

Personalmente la uso sottoforma di pomata (acquistata in erboristeria) in cui sono presenti anche chiodi di garofano e cannella, quando soffro, e succede spesso, di dolori alla cervicale e alla schiena spalmandola con massaggi sulla parte dolorante.

posted by pleiadi
Permalink | 4 comments
06 luglio 2006,15:28


La lavanda

Conosciuta e apprezzata per il fresco aroma che regala alla biancheria, profumando armadi e cassetti, viene da sempre attribuito il significato di tranquillità, purezza e freschezza, deriva infatti dal termine latino "lavare".
In natura è un arbusto sempreverde legnoso e spontaneo,cresce nei luoghi aridi, nei terreni calcari e soleggiati del sud dell'Europa. Le foglie sono di color verde-grigio, strette e allungate. I fiori sono di colore azzurro, piccoli e disposti in un spiga terminale.
In genere siamo soliti vedere fotografie della lavanda in fiore, ampie distese di fiori azzurri, tipici paesaggi della Francia del Sud, invece ho voluto mettere questa foto proprio per mostrarvi come la lavanda può trarre in inganno a chi non la conosce bene, così, a prima vista, sembrerebbe una pianticella di rosmarino, ma basta osservarla bene per distinguerli: il rosmarino è di un bel verde scuro la lavanda sembra grigia, quasi argentata.
E' largamente coltivata per la sua essenza,per il suo olio essenziale che contiene geraniolo, linalolo (l'essenza responsabile delle principali proprietà terapeutiche della lavanda), alfa-pinene, limonene, ed è impiegata per la produzione di profumi e di medicinali naturali.
Si utilizzano principalmente le sommità fiorite, raccolte tra giugno e luglio recidendole alla base, ma anche le foglie. I fiori si fanno seccare, in mazzi, in posti riparati e all'ombra, quando sono ben secchi allora basta separarli "accarezzandoli" tra le mani, si conservano poi in recipienti di vetro scuro o in sacchettini di tela per profumare gli arredi della casa e la biancheria.

Proprietà:

Come leggero sedativo e riequilibrante del sistema nervoso è indicata in caso di ansia, esaurimento nervoso, nausea, palpitazioni, insonnia ed emicrania.

Come calmante per i disturbi digestivi, esercita un'azione antispatica rilassando i muscoli dell'apparato digerente e intestinale.

Come rimedio per dolori di origine reumatica ed infiammatoria, applicati esternamente, l’acqua, l’olio e l’essenza di lavanda sono molto efficaci per calmare dolori artrosici del collo o della schiena, l’artrite gottosa, il torcicollo, la lombaggine, la sciatica, lussazioni, distorsioni, contusioni e stiramenti muscolari.

Con azione cicatrizzante, si può utilizzare per lavare ferite, graffi, allevia il dolore dvute a bruciature lievi e a punture di insetti.

Come coadiuvante nel trattamento di tossi, laringiti, bronchiti, asma per la sua azione espettorante, fluidificante e spasmolitica delle vie respiratorie.


Potrei anche dire come si utilizza e come somministrarla, ma qui entra in gioco l'abilità e l'esperienza erboristica, quindi posso solo aggiungere che io ne sono quasi drogata :D, ne uso qualche goccia (2-3) d'olio essenziale sul cuscino, prima di dormire, quando mi sento agitata, 3/4 gocce d'olio su un fazzolettino per lenire il bruciore di scottature o il prurito dato dalle punture di zanzara, uso i fiori secchi messi in sacchettini e poggiati nei cassetti e nei mobili, e qualche goccia (5/6) d'olio essenziale nel cassettino della lavatrice insieme al detersivo.

Per tisane, uso medico eccc meglio rivolgersi al proprio omeopata, erborista o guida spirituale di fiducia ;)
posted by pleiadi
Permalink | 7 comments